Senza lavoro non c’è dignità.

“MANFREDONIA NUOVA”

Nota stampa Manfredonia, 20 novembre 2014

Senza lavoro non c’è dignità. Indispensabile rilanciare le attività sostenibili di impresa e l’occupazione a Manfredonia.

Le politiche pubbliche sono un fattore centrale da cui occorre partire, per risalire la china di una crisi senza precedenti, ancora più accentuata e persistente a Manfredonia, dove il tessuto produttivo locale è stato duramente falcidiato e la reindustrializzazione del Contratto d’Area ha purtroppo mancato gli obiettivi di crescita. Ne è la riprova più emblematica l’ultima delle vertenze apertasi sul futuro della Sangalli Vetro, il maggior insediamento produttivo locale. Nei Paesi economicamente più avanzati, di fronte alla gravità della crisi finanziaria, si sono irrobustiti gli interventi e le azioni dello Stato per sostenere, con piani adeguati, la solidarietà sociale e la crescita dell’occupazione. A Manfredonia, dove è stata inadeguata l’azione di chi ha rivestito responsabilità istituzionali, occorre motivare e mobilitare le energie disponibili nella nostra comunità per essere pronti a cogliere tutte le misure in campo per l’auspicato cambiamento e utilizzare le risorse e i piani promossi in particolare dall’Unione Europea. Bisogna partire da una visione e da un progetto complessivi ed innovativi, con obiettivi concreti, tendenti ad uno sviluppo sostenibile, ricostruendo un contesto programmatico funzionale alle politiche produttive ed insediative locali, in grado di consentire alle imprese di avviarsi ed operare con prospettive di tenuta, oltre a dover fronteggiare i colpi della crisi finanziaria generale. Proponiamo di attivare strumenti idonei per destinare ai giovani le aree ed i capannoni che, a seguito di chiusure aziendali e rinunce, si sono resi disponibili nelle zone degli insediamenti produttivi, per avviare nuove iniziative imprenditoriali – anche con modalità di co-working – coerenti con il territorio. Nel contesto della pianificazione in atto (come il Piano regionale del lavoro, la Garanzia Giovani, ecc.), è necessario promuovere con il coinvolgimento del governo regionale e nazionale iniziative per l’inserimento lavorativo di cittadinanza mirato a fasce più deboli e alle centinaia di lavoratori interessati o coinvolti nel sistema degli ammortizzatori sociali, facendo rete con altri Comuni dell’area e promovendo attività particolarmente utili come la cura, la tutela e la salvaguardia del nostro territorio. Occorre dare al nostro sistema portuale un efficace progetto industriale per lo sviluppo dei traffici marittimi, con una gestione competente e non asservita a logiche politiche, capace di includere il Porto della Capitanata negli investimenti e nelle politiche del trasporto portuale regionale. Bisogna anche rivalutare l’attività lavorativa della pesca e operare per il rilancio e lo sviluppo della flotta peschereccia di Manfredonia, ascoltando i pescatori, dando loro un oculato sostegno di consulenza ed esperienza in materia, preservando il nostro mare, che dà frutti solo se è rispettato, a tutto vantaggio di questa importante attività economica, che è la grande ricchezza dell’intera città. Va promossa periodicamente, per le attività produttive presenti nella nostra area, la Conferenza di produzione, quale momento istituzionale di sinergia, di monitoraggio e di pianificazione integrata, dalla quale far emergere indicazioni ed iniziative per supportare ed affiancare con l’azione amministrativa il dinamismo e l’innovazione delle attività imprenditoriali che contribuiscono a creare nuova occupazione, ristabilendo e aggiornando il quadro operativo e infrastrutturale sostenibile per una presenza e funzionalità più adeguate del sistema produttivo nelle aree predisposte, rispondente alle potenzialità, oltre che alle peculiarità produttive e ai bisogni lavorativi del nostro territorio. Infine, il lavoro non deve più essere considerato una merce di scambio e qualsiasi attività lavorativa ed economica, fondata direttamente o indirettamente su decisioni amministrative, deve avvenire mediante concorsi pubblici con procedure trasparenti.

Condividi sui social network!

Lascia un commento

Chiudi il menu